Giuseppe Migliore - Avvocato Penalista Roma

Prescrizione


Prescrizione Reato Lesioni Personali

Prima di passare all’esposizione del tema specifico dell’articolo, ovvero sia quali siano i tempi di prescrizione del reato di lesioni personali, appare opportuno procedere ad una breve panoramica dell’istituto della prescrizione.

TERMINE DI PRESCRIZIONE DEI REATI

Nel nostro Ordinamento penale tutti i reati – esclusi quelli che, anche per l’effetto di circostanze aggravanti, sono punibili con la pena dell’ergastolo – si estinguono e diventano non punibili per effetto della prescrizione.

La prescrizione opera allorquando passi un determinato lasso di tempo dal momento in cui il reato è stato commesso senza che venga pronunciata sentenza di condanna definitiva (quindi fino all’eventuale pronunciamento della Corte di Cassazione).

Di fondamentale importanza è precisare come il termine di prescrizione del reato decorra dal momento della sua commissione (per il reato consumato), o dal momento in cui il reo compie gli ultimi atti esecutivi del reato programmato (per il reato tentato).

Il tempo necessario a prescrivere il reato è, generalmente, pari alla pena massima stabilita per il reato in contestazione.

Qualora si tratti di delitto (ed è questo il caso del reato di lesioni personali) il tempo necessario alla prescrizione non potrà essere inferiore ai sei anni, anche se la pena massima stabilita per il reato fosse inferiore.

Quella appena esposta è la cosiddetta prescrizione breve, che opera allorquando non vi siano atti interruttivi durante il decorso della prescrizione. Gli atti interruttivi sono quelle cadenze processuali (analiticamente descritte nell’articolo 160 del Codice Penale) al ricorrere delle quali il decorso della prescrizione viene interrotto, ricominciando di nuovo da capo.

Tuttavia tali interruzioni, in linea generale e salvo casi particolari, non possono comportare un aumento del tempo di prescrizione superiore ad un quarto; così come in materia di interruzione della prescrizione anche in materia di sospensione della prescrizione il reato di lesioni personali non comporta deviazioni dalla disciplina generale, alla quale quindi si fa rinvio.

PRESCRIZIONE REATO LESIONI PERSONALI: DA QUANDO DECORRONO I TERMINI E COME CALCOLARLI

Passando alla disamina della prescrizione del reato di lesioni personali è bene cominciare premettendo che il termine di decorrenza della prescrizione debba essere individuato nel momento di commissione del reato, che coincide con il momento in cui il reo cagioni la lesione alla vittima del reato (questo per quanto riguarda il delitto di lesioni personali consumate); per quanto riguarda il delitto di lesioni personali tentate invece, il momento di decorrenza dal quale far partire il calcolo della prescrizione dovrà essere individuato nell’ultimo atto esecutivo del reato posto in essere dal reo.

La prescrizione del reato di lesioni personali dovrà calcolarsi in relazione alle diverse ipotesi di tale reato, atteso che le stesse comportano pene diverse:

- Il reato di lesioni personali “lievi o ordinarie” si prescriverà in sei anni (prescrizione breve), aumentabili nel massimo a sette anni e sei mesi nel caso in cui vi siano stati atti interruttivi della prescrizione;

- Il reato di lesioni personali gravi (che è integrato da una lesione che metta in pericolo di vita la vittima del reato, oppure comporti l’indebolimento permanente di un senso o di un organo, oppure cagioni una inabilità superiore a quaranta giorni) si prescriverà invece in sette anni (prescrizione breve), aumentabili nel massimo a anni otto e mesi nove in presenza di atti interruttivi;

- Il reato di lesioni personali gravissime (che si determina qualora la lesione inferta consista o in una malattia insanabile, o nella perdita di un senso, o nello sfregio permanente del viso, o nella perdita di un arto – o nella mutilazione dello stesso che lo renda inservibile – oppure nella perdita di un organo o della capacità di procreare, oppure in una grave e permanente difficoltà nel parlare) si prescriverà in dodici anni (prescrizione breve), aumentabili nel massimo ad anni quindici per effetto degli atti interruttivi.

PRESCRIZIONE REATO LESIONI PERSONALI COLPOSE STRADALI

Nel caso invece si parli di lesioni personali colpose “stradali” (originate quindi da un incidente stradale) la prescrizione per quasi tutte le ipotesi sarà di sei anni (prescrizione breve), aumentabili fino a sette anni e sei mesi per effetto degli atti interruttivi; solo nel caso in cui la lesione personale “stradale” sia gravissima, e sia inoltre cagionata da persona che si sia posta alla guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti oppure con un tasso alcolemico superiore a 1,5 grammi/litro, la prescrizione “breve” sarà di sette anni, aumentabili per effetto delle interruzioni fini ad un massimo di anni otto e mesi nove.

Vista la particolarità del reato di lesioni personali, che viene disciplinato in diverse ipotesi dal Codice Penale (con le conseguenti ricadute sui tempi di prescrizione di ogni fattispecie) per capire con certezza se un reato di lesioni personali sia prescritto, o in quanto tempo verrà maturata la prescrizione, è preferibile rivolgersi ad un avvocato esperto in diritto penale, che potrà applicare le regole dell’istituto della prescrizione allo specifico caso proposto, fornendo un parere certo ed oggettivo.